Abitanti 5832 al luglio 1998
Altitudine 169 m slm
Superficie 28,29 km2
Frazioni/località Casasola, Comerzo, Farla, Pers, S. Eliseo, S. Salvatore, S. Tomaso, Susans, Tiveriacco


Il comune di Majano, con i suoi quasi 6000 abitanti distribuiti in ben nove frazioni, si estende ai piedi delle Prealpi Carniche, sulle dolci colline moreniche che sorgono appena oltre l'ampio letto del fiume Tagliamento.

Le origini di Majano sono antiche; tuttavia non è possibile stabilire quali furono i primi abitatori della zona. Sono stati rinvenuti resti archeologici di epoca romana e lo stesso nome del comune deriva dal nome della potente famiglia romana Majania, che qui aveva ricchi possedimenti. E' inoltre probabile che sul colle di Susans esistesse una torre di segnalazione utilizzata in epoca romana, data la particolare posizione geografica che consente di dominare un buon tratto del Tagliamento.

Il decollo economico di Majano e delle sue industrie iniziò alla fine degli anni '50, quando nel paese sorsero le prime industrie razionalmente organizzate che, in parte, frenarono il fenomeno dell'emigrazione. Il disastroso terremoto del 1976 provocò anche nella zona del comune di Majano danni gravissimi: la maggior parte delle costruzioni fu danneggiata, se non distrutta, e anche le attività commerciali ed industriali dovettero subire una sosta forzata. Oggi l'opera di ricostruzione è stata completata e Majano è considerato uno dei centri industriali più attivi del Friuli.

A causa del terremoto del 1976, il patrimonio monumentale e artistico di Majano si è di molto ridotto, anche se ciò che si è potuto in qualche modo salvare è stato poi restaurato con cura.
A seguito del terremoto, la Chiesa parrocchiale, costruita tra il 1768 ed il 1780, è stata abbattuta, così come l'adiacente campanile, e al suo posto è sorto un modernissimo edificio.

Il luogo maggiormente ricco di memorie storiche è, nella frazione di San Tomaso, la romanica Chiesetta dell'Ordine di San Giovanni di Gerusalemme, la cui costruzione pare risalire ai primi anni di vita dell'ospedale (fondato nel 1199) cui era annessa. Ha facciata a capanna, in pietra, con campaniletto a vela e conserva tracce di affreschi del XIII secolo.
A San Salvatore si trovano la quattrocentesca Chiesetta di San Silvestro e, di fronte, il Castello o, più propriamente, un palazzo fortificato articolato su due livelli.
A Susans troviamo lo storico Castello seicentesco (ma fondato nel XVI secolo) che ricorda nella tipologia i castelli medioevali toscani, a pianta rettangolare con tozzi quadrati angolari come non se ne vede altri in Friuli.
A Comerzo sorge la Chiesa di Santa Maria Assunta, trecentesca; all'interno conserva un bell'altare in marmo di stile barocco e una pala d'altare di buona fattura del XVIII secolo.

Torna all'homepage...

 


Chi siamo     Contatti     Lavora con noi     Partner     Pubblicità

© 2004 - Max Pola Inc.